RIEQUILIBRA LE PROPORZIONI – PER LEI E PER LUI!

Abbiamo visto le diverse forme del corpo, come riconoscere i nostri colori amici e anche i significati dei colori. Oggi cominciamo la settimana con un post altrettanto importante che può davvero cambiare, attraverso l’illusione ottica, la percezione che gli altri hanno del nostro corpo: lo studio della proporzione della figura.

Inutile precisare che (e questo vale per tutti i miei post) un’occhio attento come quello del consulente d’immagine è sempre meglio e che le regole non servono a dirci che siamo tutti uguali ma a trovare i macro gruppi.

Come ho fatto per il post “Di che colore sono le tue vene?” dove con un piccolo trucco vi davo una mano a riconoscere la vostra carnagione, oggi vi spiego un altro piccolo trucco per scoprire le proporzioni del vostro corpo, più precisamente quella tra busto e gambe, e la cosa più bella è che questa regola vale per entrambi i sessi.

Di fronte ad uno specchio, preferibilmente in intimo, state eretti in maniera naturale lasciando le vostre braccia rilassate lungo i fianchi. Ora tracciate una linea orizzontale immaginaria che va da un polso all’altro.

busti

Proporzione 1: BUSTO CORTO

Se la linea dei polsi si trova sotto la zona pelvica o comunque più in basso rispetto la metà della zona pelvica allora il vostro busto sarà probabilmente più piccolo rispetto alle gambe. Anche qui non importa l’altezza anche se, se siete abbastanza alti, la differenza si noterà maggiormente. Avete presente quando si dice “Quella lì è tutta gambe!”? Ecco. In questo caso dobbiamo otticamente riportare su il girovita: si alle maglie più lunghe rispetto alla vita del pantalone, per le donne si alle maglie lunghe con i leggings (sempre seguendo questi piccoli consigli), alla vita bassa e gli scolli a V che slanciano il decolletè; per gli uomini si alle camicie fuori dai pantaloni (dove possibile), alle polo che non abbiano la forma quadrata, no a maglie troppo corte, alla vita alta e ai maglioni a dolce vita che ingoffano ancor di più la figura. Accessori? Si a sciarpe in lana e cotone portate lunghe fin sotto i fianchi, alle borse a tracolla lungo il busto che poggiano poco sotto i fianchi, a scarpe basse tipo mocassini o ballerine.

leggings-as-pants1

Proporzione 2: BILANCIATA

Se la linea dei polsi si trova esattamente nella zona pelvica, tagliandola a metà, allora la proporzione tra il busto e le gambe è perfetta. Sia che siate bassi o alti il vostro girovita spezzerà con precisione la figura, dondandovi armonia. In questo caso cercate di evitare degli abiti che possano sproporzionarvi mortificando visivamente le forme del vostro corpo. Ad esempio una vita troppo bassa, o troppo alta, pantaloni cascanti o dal cavallo basso, o ancora per le donne maglie lunghe su indumenti troppo corti (tipo minigonne o shorts).

PER LUI

(Mariano Di Vaio)

PER LEI

(Sarah Jessica Parker)

Proporzione 3: GAMBE CORTE

E non perchè avete detto troppe bugie! Se la linea dei polsi si trova sopra la zona pelvica o poco sopra la metà allora il vostro busto sarà più lungo delle gambe e qualunque sia la vostra altezza, otticamente sembrerete dei nanetti (se siete bassi) o delle giraffe (se siete alti). In questo caso dobbiamo ovviamente fare il contrario: si alla vita alta, alle camicie o alle maglie dentro i pantaloni, alle giacche più corte e per le donne anche cardigan in cotone o lana rasata che stiano vicino al punto vita. Sempre per le donne, ok ad abitini taglio impero con il giroseno sottolineato, alle fantasie utilizzate nella parte superiore del corpo. Evitiamo per ovvie ragione, sia per lui che per lei, pantaloni cascanti, a vita bassa o ultrabassa, scarpe rasoterra, borse a tracolla lungo il busto che poggiano sui fianchi.

(Chiara Ferragni ed Elisabetta Canalis)

Giuliana Piazzese

Palermo

Giuliana è una style coach con tantissime passioni, sia nel lavoro che nella vita di tutti i giorni. Su Inciampando si diverte a dare consigli, trucchi di stile e chiacchierare come farebbe con un gruppo di amiche! E ogni tanto, anche di amici!

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>