CALAMARATA CON CALAMARI CALAMAROSA POMODOROSA!

La mia giornata è cominciata con “Ma oggi è domenica! Posso restare a letto un po’ di più” e mi sono rigirata dall’altro lato del letto. Amo quelle domeniche dove pochi secondi prima di realizzare che posso rilassarmi sono convinta di dovermi svegliare per andare a lavoro. E’ come se mi dessero un premio, come se la domenica fosse un meritato regalo dopo una settimana al cardiopalma.

Così ho pensato di farmi un altro regalo, la pasta col pesce pescioso che non sa troppo di pesce. Così anche chi non ha un debole per il pesce può mangiarla. Vedete come sono altruista? Dopo la torta di mele per chi non ama la torta di mele, facciamo un primo di mare per chi non ama troppo il pesce.

[Salve, sono la contraddizione. Abito a casa di Giuliana.]

CALAMARATA CON CALAMARI E POMODORINO DI PACHINO

03

Ingredienti per due persone

1 spicchio d’aglio intero schiacciato

Olio d’Oliva, di quello buono

Pasta Calamarata o Paccheri o Mezzi Paccheri

4 Calamari abbastanza grandi (i miei erano piccoli e sono scomparsi nella pasta)

400 gr. circa di pomodorino di pachino

Un cucchiaio abbondante di doppio concentrato di pomodoro

prezzemolo, sale e pepe q.b.

Procedimento:

Cominciate lavando i pomodorini e tagliandoli a metà. Nel frattempo fate dorare lo spicchio d’aglio schiacciato che poi rimuoverete e che vi servirà solo per insaporire l’olio. Se amate il piccante e volete dare al condimento una spinta in più, insieme all’aglio mettete a dorare anche uno/due peperoncini freschi tagliati a pezzettini. A questo punto buttate i pomodorini e fateli caramellare (cosa che io adoro!) con un pizzico di sale e un buon cucchiaio di zucchero. Quando mettete lo zucchero non mescolate subito, lasciate un po’ andare a fuoco alto, poi con un colpo di polso (se non sapete farlo lasciate stare che vi potreste ritrovare con la cucina inondata da pomodorini) girate i pomodorini in padella in modo che tutto si omogenei senza usare il mestolo che potrebbe rovinare il pomodoro e romperlo.

01

 

Mentre i pomodorini vanno su fuoco medio, pulite i calamari. Io non l’avevo mai fatto e ci sono riuscita, potete farlo anche voi. Attenzione, i miei non erano freschi ma decongelati ma il calamaro sempre calamaro è no? Afferrate delicatamente il corpo e tirate via dalla testa. Verranno fuori anche le interiora, attenzione a non sporcarvi con l’inchiostro nero. Dovrete rimuovere anche la spina centrale che vi sembrerà quasi un pezzo di plastica trasparente e verrà via molto facilmente. Recuperate dalla testa anche la parte dei tentacoli. Sciacquate tutto qualche secondo sotto l’acqua e tagliate a rondelle i calamari, i tentacoli invece lasciateli interi, non toccateli, si arricceranno e diminuiranno di volume una volta cotti.

 

02

A questo punto, il pomodoro è quasi pronto, è ora di ravvivarlo un po’ e formare quella magnifica cremina che accompagnerà la nostra pasta. E a proposito di pasta, avete messo su la pentola con l’acqua? Che distratte! Salate l’acqua per la cottura e cuocete la pasta secondo il tempo di cottura indicato (o un minuto in meno se la volete al dente). Nel frattempo unite i calamari puliti e tagliati in padella con i pomodorini. Fate sciogliere in un bicchiere di acqua bollente il cucchiaio di concentrato di pomodoro e unitelo al condimento. Appena i calamari saranno cotti potete spegnere il fuoco, spolverare con del prezzemolo fresco tritato bene e buttare in padella anche la pasta che nel frattempo avrete scolato.

04

 

Cooking tip: Questo formato di pasta tende a rompersi se girato di continuo, dunque prima di mettere la pasta in acqua aggiungete un filo d’olio d’oliva. Mescolate la prima volta, poi a metà cottura e preferite una pentola antiaderente (la pasta tenderà ad attaccarsi sul fondo quindi attenzione!)

Buon Appetito e Buona Domenica a tutti!!

Giuliana Piazzese

Palermo

Giuliana è una style coach con tantissime passioni, sia nel lavoro che nella vita di tutti i giorni. Su Inciampando si diverte a dare consigli, trucchi di stile e chiacchierare come farebbe con un gruppo di amiche! E ogni tanto, anche di amici!

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>