MIO FIGLIO VUOLE VESTIRSI DA SOLO!

Ultimamente, parlando con mamme di bimbi dai 4 anni in su, sento sempre farmi la stessa domanda “Come faccio con mio figlio (o mia figlia) che vuole scegliere da solo (sola) cosa indossare?” 

Ormai le nuove generazioni sono sempre più indipendenti, sveglie e decise. Guardano più tv di quanto facessimo noi, navigano su internet e ricevono stimoli continui anche su temi come immagine, sesso e competizione. Pensiamo a tutti i cartoon o fiction per bambini dove i personaggi femminili non fanno altro che cambiarsi, fare shopping, cambiare acconciatura e “piacere ai ragazzini”.

Benetton

Lo spirito di emulazione è una delle cose più forti nei bambini, e a questo dovremmo fare attenzione anche noi; come ci comportiamo in casa, davanti a loro, come parliamo di noi, di loro o degli altri influenzano il loro rapportarsi con il mondo circostante e anche con loro stessi. Ecco perché anche la scelta degli abiti è una delle prime decisioni, come durante il gioco o i pasti, che i  bambini  vogliono prendere il prima possibile.

Certo il rischio di vederli uscire come pulcinella o come un quadro di Picasso è altissimo. Come si fa allora a dare loro l’illusione di decidere, circoscrivendo i danni?

Metodo 1: PONIAMO NOI LE SCELTE

Benetton bimbi

Prima ancora di proporre l’uscita andate in cameretta, create due look diversi e teneteli pronti sul letto. Evitate di aprire l’armadio o i cassetti. Il bambino si farà prendere alla confusione e comincerà a tirare fuori tutte cose. In quel modo, qualunque sia la sua scelta, è stata comunque ragionata da voi e siete certi che vostro figlio non uscirà vestito da clown. Se proprio avete a che fare con una stylist in miniatura che si divertirà a mixare tra loro anche i due look, fate in modo che qualunque mix scelga, vada comunque bene! E mi raccomando, non dimenticate scarpe, accessori e intimo. Qualunque cosa possa evitare il “e mamma devo scegliere questo ora..!”

Metodo 2: ORGANIZZATE L’ARMADIO CROMATICAMENTE E A SEZIONI

Benetton 2

Niente, avete a che fare con una mini-Anna Wintour che vuole a tutti i costi aprire il suo guardaroba per scegliere la sua maglia preferita, inutile combattere, è già tardi e voi dovete uscire, se vuole vestirsi da pazza che lo faccia! Sul ponte sventola bandiera bianca, diceva una canzone. E invece no!

Se il guardaroba di vostro figlio è fatto di diversi cassetti e sezioni dell’armadio potete risolvere il problema “mille colori dei fiori” con l’organizzazione dell’armadio per sezioni e colori: abitini da tutti i giorni, da occasione, sfumature di blu, rosa, giallo, rosso o bianco. Più li tenete separati più probabilità ci sono che aprendo VOI l’anta o il cassetto giusto, vostro figlio farà comunque la scelta meno pericolosa! E sarà facile anche per voi trovare subito ciò che cercate nei momenti di fretta.

Metodo 3: E’ TARDI, E’ TARDI, E’ TAAAARDI!

benetton 3

Mancano cinque minuti all’ingresso della scuola, avete un appuntamento importante, non è la giornata giusta per i capricci. Capitano a tutti i genitori le giornate così. Come si fa ad evitare anche la crisi quando siete già in zona Cesarini? Fregatelo!

Si ok, detto così è brutto ma seguitemi. In questi momenti dovete sfoderare tutto quello che sapete di vostro figlio, proponendogli subito (nelle due scelte) la sua maglia preferita o le scarpe dalle quali non si separa mai, la sciarpa di topolino o il vestitino del compleanno. Non è il momento di discutere, dovete farla breve. Proponendo una della sue cose preferite l’avrete già conquistato!

Avete altre domande? Dubbi? I vostri bimbi vi fanno diventare pazzi nel momento del “che mi metto”? Sarò felice di ascoltarvi tutte e rispondervi qui tra i commenti o sulla pagina facebook di Inciampando!

Giuliana Piazzese

Palermo

Giuliana è una style coach con tantissime passioni, sia nel lavoro che nella vita di tutti i giorni. Su Inciampando si diverte a dare consigli, trucchi di stile e chiacchierare come farebbe con un gruppo di amiche! E ogni tanto, anche di amici!

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>