Umore nero, giornata no: che mi metto?

Ormai lo sapete bene, spesso l’ispirazione per scrivere arriva proprio da chi mi legge, dalle amiche o dalle clienti.

Oggi tocca ad una lettrice diventata amica, che diceva “Oggi era una di quelle giornate no. Stavo davanti lo specchio e non sapevo neanche cosa indossare, che nervi! Ci voleva un tuo post con i consigli su cosa indossare quando abbiamo l’umore a terra!

E siccome amo le sfide, eccomi qui!

Combattere l’umore nero, una giornata storta o un momento di sconforto non è facile ma non è neanche impossibile. Sapete che sono una fan della Resilienza, me lo sono anche tatuato sul polso, ma sono anche convinta che positività attiri positività e se pure sembra più facile a dirsi che a farsi, praticando questa teoria vi renderete conto di quante energie sprecate in pensieri negativi potevano essere invece impiegate in una risata. Ed è questo che significano i fiori che accompagnano la scritta: un’esplosione di colori.

Resilienza. Oggi più che mai.

A post shared by Giuliana Piazzese (@inciampando) on

 

Proprio cominciando dai colori, parliamo di come scegliere cosa indossare quando l’umore è sotto le scarpe, e non quelle dal tacco 12.

Il classico dei classici è cercare “rifugio” nei capi che indossiamo, pensando contemporaneamente di essere orribili e malvestite.

Sono d’accordo e sposo assolutamente la causa del “rifugio”, inteso però come sentirsi a proprio agio e non come nascondiglio goffo e incolore che l’armadio ci offre.

Dimenticate dunque la vecchia tuta, i pantaloni in ciniglia o la felpa 3 taglie più grande del vostro (ex) fidanzato.

Fatevi delle domande, cercate di riflettere con lucidità e senza autodistruzione:

– Qual è il mio jeans preferito?

– La maglia che mi fa sembrare più carina e che metterei ogni giorno?

– Cosa devo fare oggi? Ho degli appuntamenti particolari che richiedono una certa tipologia di scarpa/accessorio?

– Ho addosso almeno un colore che non sia nero/grigio/marrone?

malumore

Bene, adesso che molto probabilmente siete vestite da capo a piedi, scegliete un bijoux colorato, divertente – si, anche se vi viene voglia di storcere il naso – e se non è un bijoux, optate per un foulard coloratissimo. Completate tutto con il make up.

Lo so, quando siete di malumore non vi viene per niente voglia di stare davanti lo specchio guardando quella brutta faccia con gli angoli della bocca al contrario.

E’ per questo che dovrete costringervi a farlo: innanzitutto avrete probabilmente delle belle occhiaie (stress maledetto) a contorno di occhi un po’ tristi. Per questo il trucco sarà puntare sulle labbra con un bel rossetto brillante o del lucidalabbra e soprattutto sorridere allo specchio per mettere il blush. Vi sorprenderà scoprire che sapete ancora sorridere allo specchio. E vi sentirete un pochino meglio.

I capelli. Spesso il capello sporco coincide con il malumore, non si capisce bene perché. Resta il fatto che dovrete affrontare il momento dello shampoo, e lo so che lo odiate (io non lo sopporto) ma anche se sembra una metafora spicciola, lavarvi la testa servirà non solo al mero scopo fisico ma anche mentale. L’acqua che massaggia la testa, la sensazione di pulito, il buon profumo che emanate ad ogni passo – credetemi, funziona.

E se volete chiudere la serata in bellezza, dopo una giornata faticosa, cambiate le lenzuola e il pigiama: dormire tra lenzuola profumate e un pigiama appena stirato vi rilasserà enormemente. Il giorno dopo vi alzerete come nuove, con una nuova forza di reazione!

Voi avete dei riti particolari per farvi passare il malumore? Una canzone che cantate a squarciagola? Un capo preferito? Un motto che vi ripetete come un mantra?

Giuliana Piazzese

Palermo

Giuliana è una style coach con tantissime passioni, sia nel lavoro che nella vita di tutti i giorni. Su Inciampando si diverte a dare consigli, trucchi di stile e chiacchierare come farebbe con un gruppo di amiche! E ogni tanto, anche di amici!

1 Comment

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>