Inciampando a…Tenerife: cosa vedere a Nord e Sud

Nella prima parte di “Inciampando a Tenerife” abbiamo parlato dei voli, di come muoversi sull’isola, dove alloggiare ecc. Se ve lo siete perso, lo trovate qui. 

Oggi facciamo un bel tour dell’isola e si, lo facciamo da nord a sud perché non merita una scelta, merita di essere vista tutta!

Se vi state chiedendo il perché di questa continua divisione, ecco un paio di motivazioni che vi aiuteranno a comprendere meglio l’isola:

  • La tipologia di turisti: il sud è un enorme villaggio vacanze aperto tutto l’anno. Sembra un po’ Miami, un po’ Las Vegas, un po’ Montecarlo. Tutto però terribilmente anni ’90. Immaginate tanti locali fatti di Karaoke, birra a volontà, turisti inglesi/tedeschi/russi sempre rossi, allegri e pancioni. Il nord invece attira un turismo più “cultural-chic”, fatto principalmente di francesi e spagnoli.
  • Il Clima: ne abbiamo parlato quando abbiamo trattato il tema valigia, nel post precedente. Al sud è estate tutto l’anno, il clima va dai 25 fino ai 32 gradi di giorno, la sera scende di circa 10 gradi. Al nord invece le temperature sono molto più simili al nostro sud Italia, così troviamo un’estate calda e un inverno mite con episodi di nebbia e pioggia, freddo e neve in inverno solo sul Teide. Strano eh? Così se abitate al nord, da Ottobre a Marzo, potrete tranquillamente dire “questo week end vado al mare” e nessuno vi prenderà per pazzi, starete semplicemente guidando verso il sud (1 ora di strada al massimo).
  • Il paesaggio: Il sud è spiaggia, palme, scogli e hotel extralusso. Il nord è montagna, paesini tipici e città urbane.
  • La presenza di canari: se vivrete solo al sud non incontrerete mai un vero canario (a meno che non intendiamo gli autisti della guagua, gli addetti agli uffici pubblici o commessi in alcuni negozi) piuttosto un suo surrogato – cioè tutti coloro (italiani compresi) che si sono trasferiti a Tenerife in cerca di fortuna (e che magari ce l’hanno anche fatta) e pensionati di qualunque nazionalità che si godono l’altra metà della vita. Se volete capire come sono fatti i canari e se esistono davvero, allora dovrete visitare il nord!

Fatte queste doverose premesse, ecco un bel riassunto del mio viaggio in giro per l’isola! Pronti a partire?

 

LAS AMERICAS – LOS CRISTIANOS – FANABE – EL DUQUE – SAN EUGENIO

La piccola Las Vegas canaria è servita! Spiagge, ristoranti a menù fisso, alberghi extralusso, shopping e tutto quello che potete immaginare in un luogo extra-turistico lo trovate in queste zone. Si girano tranquillamente a piedi e la sera sono praticamente il ritrovo di tutti i turisti per un cocktail al tramonto, una cena vista mare e la nightlife. Locali come il Monkey Beach, Papagayo Beach Club e tutti quelli in Las Veronicas sono perfetti per comitive e coppie fino ai 30 anni. Se volete divertirvi anche durante il giorno queste località offrono davvero tra le attrazioni più disparate e adatte a chiunque:

  • Immersioni con tartarughe e delfini
  • Parchi acquatici come Acqualand e Siam Park, quest’ultimo assolutamente da non perdere per la varietà degli scivoli, è considerato tra i più grandi e importanti d’Europa!
  • Sport acquatici come surf, sci nautico, parasailing e snorkeling
  • Escursioni in barca, catamarano e, la più caratteristica, “la nave dei pirati”! Un veliero che gira le calette più belle della costa sud e che si ispira alla storia del pirata di Tenerife “Amaro Rodríguez Felipe y Tejera Machado” meglio conosciuto come Amaro Pargo, nonché corsaro e commerciante canario. Su di lui circolano diverse leggende; per alcuni è un eroe e salvatore del popolo canario, per altri solo un truffatore. Amo queste storie!

 

EL MEDANO – LOS ABRIGOS

Se non sopportate il vento farete fatica a resistere ma non potete rinunciare ad una visita in queste due località, tanto diverse quanto vicine. La spiaggia di El Mèdano si estende a partire dalla Montagna Roja e proprio perché più esposta ai venti, è la meta preferita di kitesurfer, windsurfer e surfer esperti. Le correnti sono forti e il vento è una costante del luogo con velocità spesso davvero esagerate. Il lungomare è ricco di localini dove sorseggiare una birra e gustare le tapas spagnole, mentre la spiaggia più protetta è praticamente confinante con la piazza del paesino. Bastano 30/40 minuti di guagua per arrivare dalla stazione di Adeje alla spiaggia di El Mèdano e il biglietto si aggira intorno ai 3 euro.

Qui vendono tavole come fossero magliette. Peccato non poterla piegare e infilare in valigia! #surf #ElMedano #Tenerife

A post shared by Giuliana Piazzese (@inciampando) on

 

Los Abrigos invece è un paesino che si sviluppa intorno al porticciolo davvero tipico. Gli adolescenti si riuniscono lungo le sue mura nel pomeriggio, tra musica latino americana e reggaeton e tuffi a tutte le altezze. Io mi sono innamorata di questo spaccato di vita, probabilmente perché al sud era davvero una rarità trovare dei canari! E’ il paesino perfetto per mangiare del buon pesce a costi davvero ridicoli!

 

LOS GIGANTES

Immaginate una spiaggia nera vulcanica, con tre “giganti” lavici a picco sul mare alti anche 800 mt. ed ecco la spiaggia di Los Gigantes. Piccola e poco frequentata, praticamente un angolo di pace. Se volete vedere davvero dei fondali bellissimi e acqua azzurra in pieno Oceano Atlantico allora qui dovete noleggiare una barca e fare un giro della costa! Insenature, calette nascoste e piccole caverne vi lasceranno senza fiato!

LE PISCINE NATURALI DI GARACHICO

E’ talmente difficile da spiegare a parole che ho scattato diverse foto di questo posto che mi ha fatto innamorare! Una scogliera che nel tempo ha formato delle piscine di varie altezze, con acqua ghiacciata e limpida, dove l’intervento dell’uomo (per una volta) ne ha migliorato l’accesso e la fruibilità: pedane in cemento bianco, scalette per facilitare l’accesso al mare, bagni pubblici e chioschetto per trovare ristoro.

20150718_163304

CANDELARIA – LA LAGUNA

Due paesini tanto diversi quanto adorabili! La caratteristica di Candelaria dovrebbe essere, in teoria, la sua cattedrale – in realtà quello che io vi consiglio di visitare è la via principale che porta alla chiesa, piena di negozietti e bar molto carini ed economici! In particolare mi sono innamorata di un localino davvero accogliente, del quale vi parlerò in un post dedicato. Sul lungomare di Candelaria, che si estende proprio accanto alla chiesa, si trovano le statue dei guerrieri che hanno salvato il paese dagli invasori e in fondo si trova una specie di grotta dove il rischio di fare un bel bagno ad ogni onda è dietro l’angolo! La chiesa è molto più bella all’interno che all’esterno, non fatevi ingannare!

La Laguna invece è una cittadina universitaria e per questo motivo è ricca di localini tipici per gustare tapas e altre specialità canarie accompagnate da vini e cocktail per un ottimo aperitivo! Io me ne sono innamorata. E’ più ricca di storia rispetto il resto dell’isola, con tre vie principali parallele piene di negozietti, musei e monumenti!

 

PUERTO DE LA CRUZ E SANTA CRUZ DE TENERIFE

Se avete voglia di visitare delle vere e proprie città, simili alle nostre, allora sia Puerto che Santa Cruz faranno al caso vostro. Di Santa Cruz sinceramente ho visitato solo il centro commerciale e l’auditorium sul mare. Al centro commerciale sono andata per la presenza di alcuni negozi che qui a Palermo non esistono, tra i quali Primark. A Puerto invece sono andata per il Mercado Comunal (facilissimo da raggiungere per via delle indicazioni stradali). Il Mercado Comunal si sviluppa su un palazzo di almeno 4 piani diviso per settori: partendo dall’attico all’aperto trovate tutti i rigattieri locali con artigianato locale, abiti e accessori vintage e banchetti dell’usato. Si fanno ottimi affari e ne parleremo meglio nel post dedicato allo shopping! Scendendo troviamo la zona dedicata al pesce e alla carne, alla frutta e verdura, un supermercato e ancora accessori e antiquariato fino all’uscita. Vi consiglio di fare un giro e di mangiare all’interno del mercato, in un banco del pesce che cucina il pesce fresco sulla piastra a costi davvero contenuti!

 

ESCURSIONE SUL TEIDE

Una delle mie giornate preferite è stata quella passata sul Teide, che è combaciata con lo stesso periodo in cui una delle mie migliori amiche è venuta a trovarmi. “Il Teide è un vulcano che si trova sull’isola di Tenerife, nell’arcipelago delle Canarie. Con i suoi 3718 metri sul livello del mare (e i circa 7.000 metri sopra la piattaforma oceanica) è la vetta più alta di Spagna e la cima più alta di tutto l’Atlantico. È il terzo più grande vulcano del mondo dalla sua base, nonché uno dei vulcani attivi più alti del Continente Africano.” [Fonte: Wikipedia]

Il paesaggio è davvero suggestivo e vale la pena dedicargli almeno mezza giornata. I punti panoramici sono tantissimi e la parte più divertente sarà scattare delle foto insolite in mezzo al nulla. Un consiglio: munitevi di scarpe sportive ottime per camminare e una felpina di cotone se decidete di salire fino alla vetta. Per raggiungere il cratere dovrete fermarvi a 2850 metri e poi prendere la funivia per gli ultimi 800 mt. Vi consiglio di noleggiare la macchina per godervi a pieno la giornata e di portare con voi un pranzo al sacco!

————————————————————————–

In questo post vi ho segnalato i posti da non perdere ma mancano ancora tanti consigli sul surf, su dove mangiare o dove fare shopping! Li troverete nei prossimi post, intanto se volete sbirciare tutte le foto pubblicate su Instagram durante il mio viaggio mi trovate come @Inciampando! 

Giuliana Piazzese

Palermo

Giuliana è una style coach con tantissime passioni, sia nel lavoro che nella vita di tutti i giorni. Su Inciampando si diverte a dare consigli, trucchi di stile e chiacchierare come farebbe con un gruppo di amiche! E ogni tanto, anche di amici!

1 Comment

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>